Ethereum

Ethereum è una catena di blocchi open-source, pubblica, basata su una piattaforma di calcolo che utilizza una funzionalità di (scripting) di smart contract. Esso fornisce una macchina virtuale decentralizzata Turing-completa, la Macchina Virtuale Ethereum (EVM), che può eseguire script utilizzando una rete internazionale di nodi pubblici. Ethereum fornisce anche un token per criptovaluta chiamato "ethere", che può essere trasferito tra gli account e utilizzato per compensare i nodi partecipante per i calcoli eseguiti. [1] "Gas", un meccanismo di prezzamento delle transazioni intern, viene utilizzato per ridurre lo spam e allocare le risorse nella rete.

In quanto piattaforma open source, Ethereum semplifica notevolmente l'implementazione della tecnologia a catena di blocchi, il che spiega l'interesse non solo delle nuove start-up, ma anche dei maggiori sviluppatori di SOFTWARE, come Microsoft, IBM e Acronis. Anche aziende convenzionale come le banche VTB, Sberbank, Lufthansa, S7 airlines, e anche organizzazioni caritative internazionali hanno mostrato interesse per la piattaforma.

Ethereum è stato proposto alla fine del 2013 da Vitalik Buterin, un ricercatore di criptovaluta e programmatore. Lo sviluppo è stato finanziato da un crowdsale online tra luglio e agosto 2014. Il sistema è stato pubblicato online il 30 luglio 2015, con 11,9 milioni di monete "premined" per il crowdsale. Questo rappresenta circa il 13 per cento della somma totale in circolazione.

Nel 2016, come risultato del collasso del progetto the Dao, Ethereum si è diviso in due catene di blocchi - la nuova versione fork è diventata Ethereum (ETH), e l'originale ha continuato come Ethereum Classic (ECC).[2]

Indice

StoriaModifica

Ethereum: il Computer Mondiale

OriginModifica

Ethereum è stato inizialmente descritto in un libro bianco da Vitalik Buterin, un programmatore coinvolti in Bitcoin Magazine, a fine 2013, con l'obiettivo di costruire applicazioni decentralizzate. Buterin aveva denotato che Bitcoin aveva bisogno di un linguaggio di script per lo sviluppo di applicazioni. Non riuscendo a ottenere un accordo, ha proposto lo sviluppo di una nuova piattaforma con un più generale un linguaggio di scripting.

Al momento dell'annuncio pubblico nel mese di gennaio 2014, il core della squadra di Ethereum era composto da Vitalik Buterin, Mihai Alisie, Antony Di Iorio, e Charles Hoskinson.[3] Lo sviluppo formale del progetto software di Ethereum è iniziato nei primi mesi del 2014, attraverso una società Svizzera, Ethereum Switzerland GmbH ("EthSuisse"). Successivamente è stata creata anche una fondazione non-profit svizzera, la Ethereum Foundation ("Fondazione Ethereum"). Lo sviluppo è stato finanziato da un crowdsale pubblico online durante i mesi di luglio–agosto 2014, con i partecipanti che compravano il token (ethere) di Ethereum con un'altra moneta digitale, bitcoin. Mentre c'è stato un plauso anticipato per le innovazioni tecniche di Ethereum, domande sono state sollevate circa la sua sicurezza e scalabilità.

Pietre miliariModifica

Molti prototipi con nome in codice della piattaforma di Ethereum sono stati sviluppati dalla Fondazione, come parte delle loro serie Proof-of-Concept, prima del lancio ufficiale della rete Frontier.

"Olimpic" è stato l'ultimo di questi prototipi, e beta pubblica di pre-release. La rete Olympic ha fornito agli utenti un bug bounty di 25.000 ether per lo stress test dei limiti della catena di blocchi di Ethereum.

"Frontier" ha segnato la pubblicazione sperimentale del tentativo della piattaforma di Ethereum nel mese di luglio 2015.[4]

Sin dal momento che il lancio iniziale, Ethereum ha subito diversi aggiornamenti di protocollo pianificati chiamati pietre miliari, che sono importanti modifiche che riguardano le funzionalità di base e/o strutture di incentivazione della piattaforma.

"Homestead" è l'attuale pietra miliare, ed è considerato stabile. Include una serie di miglioramenti per l'elaborazione di transazioni, prezzatura del gas e di sicurezza.

Ci sono almeno due altri aggiornamenti di protocollo previsti in futuro:

"Metropolis" è destinato a ridurre la complessità della EVM e di fornire una maggiore flessibilità per gli sviluppatori di smart contract. Metropoli aggiunge anche supporti per zkSnarks (da Zcash); con la prima transazione zksnarks che si verifica sui testnet il 19 settembre 2017.

"Serenity" dovrebbe includere un cambiamento fondamentale dell'algoritmo di consenso di Ethereum per attivare una transizione base dall'hardware di data mining (proof-of-work) al data mining virtuale (proof-of-stake). Miglioramenti alla scalabilità, in particolare la frammentazione, sono anche indicate come un obiettivo chiave nella roadmap di sviluppo.[5]

Versione Nome in codice Data di pubblicazione
o|0 Olympic Maggio 2015
o|1 Frontier 30 luglio 2015
o|2 Homestead 14 Marzo 2016
c|3 Metropolis (vByzantium) 16 ottobre 2017
p|3.5 Metropolis (vConstantinople) TBA
p|4 Serenity TBA
Version |l |show=011101

Ethereum Vendita dei TokenModifica

Ethereum è stato descritto in una delle pubblicazioni di Buterin alla fine del 2013. Nel mese di aprile 2014, Ethereum è stato formalmente descritto da Gavin wood nel cosiddetto "libro giallo". Circa allo stesso tempo, Ethereum è stato informalmente descritto come una piattaforma di "nuova generazione di Bitcoin" (o "Bitcoin 2.0").

Nella seconda metà del 2014 la raccolta di fondi per lo sviluppo è iniziato attraverso il crowdfunding. Ethereum è stato la prima criptovaluta a utilizzare una Offerta Iniziale di Moneta per il proprio crowdfunding. La prevendita di Ethereum ha avuto luogo a partire da martedì 22 luglio 2014 a martedì 2 settembre 2014, per un totale di 42 giorni. 31,500 bitcoin o, equivalentemente, $18.4 milioni di dollari è stata raccolta. [6] Dopo di questo, Ethereum ha attirato l'attenzione di molte banche come la piattaforma di test per lo studio di smart contract e obbligazioni. La piattaforma della catena di blocchi di Ethereum è stata lanciata il 30 luglio 2015.

Il 14 Marzo 2016, Ethereum ha pubblicato una versione alpha anticipata di Frontiera di cui gli sviluppatori non garantivano la sicurezza. La nuova versione del Protocollo è chiamato Homestead e si riferisce anche alla precedente, ma già la versione stabile.

La protezione della rete con l'hash è assunta solo nella fase iniziale. In futuro Ethereum prevede di completare la transizione al metodo di protezione a proof-of-stake con un modello ibrido nella fase intermedia. Nonostante questo, c'è la protezione contro la creazione di ASIC a causa di elevati requisiti per la memoria video GPU, che è in costante crescita (2.04 GB a luglio 2017).

The DAO e il ramo del blocco catenaModifica

Nel giugno del 2016, è stato rilevato un errore nel codice del software del the DAO, una piattaforma la gestione dell'investimento autonomo di capitale. Il 16 di giugno, questa vulnerabilità ha permesso a persone sconosciute di spostare circa un terzo dell'ether disponibile nel The DAO (all'epoca l'importo di 50 milioni di dollari) a uno dei ChildDAO, che era controllato solo dalla parte attaccante. Tuttavia, a causa della peculiarità dell'attuazione del the DAO, questi fondi non sono stati disponibili per il ritiro entro un mese.

La comunità Ethereum ha discusso se restituire l'ether agli investitori e in che modo implementare la restituzione, e gli sviluppatori di the DAO dalla Germania hanno cercato di contrastare l'attacco hacker, dal momento che la natura decentralizzata del the DAO e di Ethereum significa l'assenza di un corpo Centrale che potrebbe prendere una rapida azione e richiede il consenso dell'utenza. Dopo un paio di settimane di discussione, il 20 luglio 2016, un hard fork è stato introdotto nella catena di blocchi di Ethereum, respingere l'attacco e restituire agli investitori i fondi rubati dal the Dao. Questo è stato il primo ramo della catena di blocchi a restituire agli investitori i fondi rubati.

Come conseguenza del rifiuto del rollback della cronologia delle transazioni e delle modifiche delle regole da parte della comunità, è stato formato Ethereum Classic, che continua a funzionare con il nome di "the DAO".

Hard ForksModifica

Dopo l'hard fork relativo al The DAO, Ethereum si è forkato successivamente per due volte nel quarto trimestre del 2016 per rispondere ad altri attacchi. Entro la fine di novembre 2016, Ethereum aveva aumentato la sua protezione DDoS, decongestionato la catena di blocchi, e contrastato ulteriori attacchi da parte di hacker.

ArchitetturaModifica

EtherModifica

Il token di valore della catena di blocchi di Ethereum è chiamato ether. È elencato sotto il codice ETH e negoziato durante gli scambi di criptovalute. Esso è utilizzato anche per pagare le spese di transazione e i servizi di calcolo sulla rete Ethereum.

I gettoni possono essere volatili a causa delle circostanze, come la caduta dell'ether da $21.50 a $8 quando the DAO è stato violato il 17 giugno 2016. A giugno 2017, il valore dell'ether è risalito a più di $400, un aumento del 5000% dall'inizio dell'anno.[7]

La volatilità dei prezzi su ogni singolo scambio è in grado di superare la volatilità dei prezzi dei token ether più generale. Un "crollo improvviso" innescato da un grande ordine di vendite su uno scambio brevemente ha fatto scendere il prezzo su quel cambio a $0.10 affinché ogni offerta di acquisto fosse assorbita, dopo di che il prezzo ha rapidamente recuperato a più di $300.

ERC20Modifica

Il protocollo standard ERC-20 è uno standard tecnico per smart contract su Ethereum. Definisce una serie di regole da seguire nella creazione di nuovi token sulla catena di blocchi, consentendo per cambiamonete e portafogli di integrare meglio (più facilmente) nuovi token che seguono gli standard. La maggior parte dei principali token della catena di blocchi di Ethereum sono CER-20 compatibili.[8]

Ethereum Macchina VirtualeModifica

La Macchina Virtuale di Ethereum (EVM) [9] è l'ambiente di esecuzione per smart contract in Ethereum. La definizione formale della EVM è specificato nella Carta Gialla di Ethereum, versione originale di Gavin Wood. È in modalità sandbox e anche completamente isolato dalla rete, dal filesystem o da altri processi di sistema del computer host. Ogni nodo Ethereum della rete utilizza un'implementazione EVM ed esegue le stesse istruzioni. Le Macchine Virtuali di Ethereum sono state implementate in C++, Andare, Haskell, Java, JavaScript, Python, Ruby, Rust, e WebAssembly (attualmente in fase di sviluppo).

Smart contractsModifica

Gli smart contract sono meccanismi deterministici di scambio controllati da strumenti digitali in grado di effettuare la transazione diretta di valore tra agenti non riconosciuti. Essi possono essere utilizzati per facilitare, verificare e applicare la negoziazione o la prestazione di istruzioni procedurali e, potenzialmente, per eludere la censura, la collusione e rischio di controparte. In Ethereum, gli smart contract sono trattati come script autonomi o come applicazioni decentralizzate accordate che sono memorizzate nella catena di blocchi di Ethereum per la successiva esecuzione da parte del EVM. Le istruzioni incorporate nei contratti di Ethereum sono pagate in ether (o più tecnicamente "gas") e possono essere implementate in una varietà di linguaggi di scripting Turing completi.

Contratti sulla catena di blocchi pubblicaModifica

Poichè i contratti possono essere pubblici, questo apre la possibilità di dimostrare la funzionalità, ad esempio, dei casinò autonomi probabilmente giusti.

Un problema relativo all'utilizzo di smart contract su una catena di blocchi pubblica è che i bug, tra cui le falle di sicurezza, sono visibili, ma non possono essere risolti rapidamente. [10] Un esempio di questo è l'attacco del 17 giugno 2016a The DAO, che non poteva essere rapidamente interrotto o respinto.

È in corso una ricerca su come utilizzare la verifica formale per esprimere e dimostrare proprietà non banali. Una relazione di Microsoft Research ha riportato che la scrittura di smart contract solidi può essere estremamente difficile, in pratica, utilizzando la violazione di the DAO per illustrare il problema. La relazione mette in discussione gli strumenti che Microsoft ha sviluppato per la verifica dei contratti, e ha notato che un'analisi su larga scala dei contratti pubblicati è probabile che possa mettere alla luce diffuse vulnerabilità. Il rapporto ha anche riportato che è possibile verificare l'equivalenza di un programma di soliditò e il codice EVM.

Linguaggi di programmazioneModifica

Gli smart contract sono astrazioni di programmazione di alto livello che sono compilati in bytecode EVM e distribuiti alla catena di blocchi di Ethereum per l'esecuzione. Essi possono essere scritti in Solidity (una biblioteca di linguaggio con delle analogie con C e JavaScript), Serpent (simile a Python), LLL (linguaggio simile al Lisp di un basso livello), e Mutan (basato sul GO, ma sconsigliato). C'è anche un linguaggio di programmazione orientato sulla ricerca in fase di sviluppo chiamato Viper (linguaggio decidibile derivato dal Python fortemente tipizzato).

PrestazioniModifica

In Ethereum tutti gli smart contract vengono archiviati pubblicamente su ogni nodo del catena di blocco, che ha scambi. [11] Il rovescio della medaglia è che i problemi di prestazioni sorgono in ogni nodo che calcola tutti gli smart contract in tempo reale, con conseguente diminuzione di velocità. Gli ingegneri di Ethereum hanno lavorato sul frammentamento dei calcoli, ma nessuna soluzione è stata dettagliate entro l'inizio del 2016. Nel gennaio 2016, il protocollo di Ethereum poteva processare 25 transazioni al secondo. [11] Nel settembre 2016, Buterin ha presentato proposte per aumentare la scalabilità. Buterin e Joseph Poon (co-autore del libro bianco della rete di Bitcoin) ha annunciato nel 2017 il loro piano di lanciare una soluzione di ridimensionamento chiamata Plasma, che crea catene di blocchi "figlie" per la "principale" catena di blocchi. [12] Per il progetto plasma non mancano gli scettici, in particolare Vlad Zamfir (ricercatore principale di Ethereum riguardo la proof of stake) ha pubblicamente messo in discussione la fattibilità del progetto plasma.

Fasso di incremento della fornitura di etherModifica

La fornitura di Etere è stato previsto in aumento del 14.75% nel 2017, con un algoritmo con lo scopo di diminuire gradualmente fino al 1.59% entro il 2065. Tuttavia, si prevede che una nuova implementazione di Ethereum denominata "Casper" sulla base della proof-of-stake invece che proof-of-work ridurrà il tasso di inflazione fino a tra lo 0,5% a il 2%.


Usi propostiModifica

Molti usi sono stati proposti per la piattaforma di Ethereum, compresi quelli che sono impossibili o impraticabili. Nei casi di utilizzo proposti sono stati inclusi finanza, internet-delle-cose, produzione a chilometro zero, approvvigionamento di energia elettrica e prezzatura, e le scommesse sportive. Ethereum è (per il 2017) la piattaforma leader con catena di blocchi per progetti di offerta iniziale di moneta, con oltre il 50% del mercato.[13]

EcosistemaModifica

Introduzione della ConsenSys Academy: Perché scriviamo codice su Ethereum

I progetti elencati in questa sezione non sono esaustivi e possono essere obsoleti.

Client e portafogliModifica

Questi portafogli di criptovalute supportano Ethereum:

  • Jaxx: portafoglio Desktop
  • KeepKey: portafoglio Hardware
  • Ledger Nano S: portafoglio Hardware
  • Mist: portafoglio Desktop


Applicazioni decentralizzateModifica

  • Firme digitali che garantiscono l'autenticità e la prova dell'esistenza di documenti: il Luxembourg Stock, Servinge ha sviluppato un sistema di questo tipo

[14]

  • Slock. sta sviluppando di smart lock
  • Token digitali ancorati alle valute legali: Capitale Decentralizzato. La banca spagnola Santander è anche coinvolta in tale progetto
  • Token digitali ancorati all'oro: Digix
  • Gestione migliorata dei diritti digitali per la musica: Imogen Heap usa la tecnologia
  • Piattaforme per previsioni sui mercati: Augur, GnosisStox
  • Piattaforme per il crowdfunding:"the DAO
  • Piattaforme di Social media con incentivi economici: Backfeed,Akasha
  • Negozi decentralizzati: FreeMyVunk, Etheropt,, TransActive Grid
  • Rimessa: Everex
  • Gioco d'azzardo online: Etheroll
  • Gestione della ricarica per auto elettriche: RWE
  • Sistemi di identità di sicurezza per Internet: uPort
  • Economia del lavoro: Blocklancer,[15] Ethlance

Software aziendaleModifica

Software personalizzato basato su Ethereum e reti, indipendente dal pubblico della catena di Ethereum, sono in fase di test da parte di società di software. Le parti interessate includono Microsoft, IBM, JPMorgan Chase, Deloitte, R3, Innovate UK (prototipo di pagamenti transfrontalieri).

Enterprise Ethereum Alliance (EEA)Modifica

EEANel Marzo del 2017, varie start-ups relative a catena di blocchi, gruppi di ricerca e aziende Fortune 500 hanno annunciato la creazione della Enterprise Ethereum Alliance (EEA) con 30 soci fondatori.[16]

A Maggio, l'organizzazione senza scopo di lucro aveva 116 membri aziendali - tra cui ConsenSys, CME Group, un gruppo di ricerca della Cornell University. Istituto di Ricerca della Toyota, Samsung SDS, Microsoft, Intel, J. P. Morgan, Cooley LLP, Merck KGaA, Deloitte, Accenture, Banco Santander, BNY Mellon, ING Group, e la National Bank of Canada.

Lo scopo del EEA è quello di coordinare l'ingegneria di uno standard open-source di riferimento e di una versione privata "autorizzata" della catena di blocchi di Ethereum in grado di affrontare gli interessi comuni delle imprese nel banking, gestione, consulenza, settore automobilistico, farmaceutica, sanità, tecnologia, telefonia mobile, di intrattenimento e di altre industrie, lavorando con gli sviluppatori dell'ecosistema di Ethereum. Alcuni membri dell'alleanza hanno anche indicato un desiderio di indagare e di collaborare su architetture ibride per ancorare potenzialmente catene di blocchi private alla catena di blocchi di Ethereum in futuro, anche se permangono preoccupazioni per la sicurezza, la conformità e norme che coinvolgono tali catene di blocchi autorizzate e "senza permesso".

Da luglio 2017, ci sono stati più di 150 membri dell'alleanza, tra cui le recenti novità MasterCard, Cisco Systems, e Scotiabank.[17] (Mastercard voleva che il proprio nome escluso dal comunicato stampa.)[18])

Registri autorizzatiModifica

Varianti di catene di blocchi autorizzate ebasate su Ethereum sono utilizzate e analizzate per vari progetti.

  • J.P. Morgan Chase sta sviluppando una variante autorizzata della catena di blocchi di Ethereum denominata "Quorum". È progettata per delineare il confine tra privato e pubblico nel regno del mix tra i derivati e i pagamenti. L'idea è quello di soddisfare i regolatori che hanno bisogno di un accesso continuo agli avvenimenti finanziari, al contempo proteggendo la privacy delle parti che non vogliono rivelare la loro identità, né i dettagli delle loro operazioni al pubblico.
  • Royal Bank of Scotland ha annunciato che ha costruito un Meccanismo di compensazione e regolamento (CSM), basato su contabilità distribuita di Ethereum e la piattaforma di smart contract.[19]

Senso economicoModifica

La tecnologia di Ethereum rende possibile registrare tutte le transazioni con qualsiasi attività sulla base di una base distribuita di contratti, quali la catena di blocchi, senza ricorrere alle tradizionali procedure di legge. Questa possibilità è competitiva in rapporto all'esistente sistema di registrazione delle transazioni. Secondo The economist, la tecnologia "smart contract" segna una nuova era nella tecnologia finanziaria.

Le tecnologie Bacchanalia possono essere utilizzate in combinazione con i servizi di remote banking del tipo fornito tramite messaggi SMS. A causa del suo basso costo, questa opportunità è particolarmente attraente per i paesi in via di sviluppo, secondo The Economist.

Implementazione del softwareModifica

Gli smart contract in Ethereum sono presentati sotto forma di classi che possono essere implementate in diversi linguaggi, tra cui la programmazione visuale e compilati in bytecode per una macchina virtuale Ethereum (Ethereum Macchina Virtuale, EVM) prima di inviarlo alla catena di blocchi. Il cambiamento di stato della macchina virtuale può essere registrato in linguaggio di scripting Turing completo.

A differenza del linguaggio di scripting nel Protocollo bitcoin, EVMS supporta i cicli, in questi modo la piattaforma utilizza un meccanismo chiamato gas per limitare i contratti che possono richiedere molto tempo per l'esecuzione.

Accoglienza in abito accademico e professionaleModifica

Dan Boneh di Stanford e Vipul Goyal di Carnegie Mellon hanno rivelato a CNBC che alcuni dei loro rispettivi studenti stanno avviando progetti di criptovalute. La Cornell University, UC Berkeley, e Technion – Istituto Israeliano di Tecnologia hanno formato l'Iniziativa per Criptovalute e Contratti (aka IC3) e l'entità è entrata nella Enterprise Ethereum Alliance.

CriticheModifica

Uso criminaleModifica

Una blogger finanziario su FT Alphaville ha sottolineato che i criminali stanno usando Ethereum per eseguire schemi Ponzi e altre forme di frode finanziaria. L'articolo era basato su un documento dell'Università di Cagliari, che ha stimato il numero di smart contract Ethereum che facilitano gli schemi Ponzi circa al 10% dei 1384 smart contratti esaminati. Tuttavia, si stima che solo lo 0,05% delle transazioni sulla rete siano stati correlate a tali contratti.

Bolla speculativaModifica

CBS ha notato nel 2017 che aumenti di prezzi in Ethereum, (così come per Litecoin e Bitcoin), stanno creando più emozioni che la tecnologia.


CuriositàModifica

  • In Ethereum, l'analogo Namecoin è implementato da cinque linee di codice.
  • Nel 2014, Ethereum era al secondo posto per l'importo raccolto attraverso il crowdfunding.
  • Le frazioni di ether sono chiamate con il nome di Wei Dai, Hal Finney e nick Szabo.
  • Vitalik Buterin sostiene che "la creazione di Ethereum non era una questione di soldi, si trattava di una missione, l'idea dietro la quale si vuole andare "e che il ruolo di data mining diminuirà sempre più. Questa direzione non è molto promettente".
  • Il nome della criptovaluta e il suo emblema è un riferimento per al castello celeste dell'anime Laputa, in cui il cristallo è della stessa forma come l'emblema della criptovaluta. Questa era la principale fonte di energia del castello Laputa.
  • Nel doppiaggio inglese il materiale del cristallo è chiamato aetherium.

Collegamenti esterniModifica

Vedi ancheModifica

RiferimentiModifica

Leggi in un'altra lingua